Cerca
Cerca

ASSEMBLEA GENERALE ANARB 2024

ANARB – CARICHE SOCIALI

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA GENERALE

 

RELAZIONE DEL PRESIDENTE E DEL CONSIGLIO DIRETTIVO

Gentili Delegate/i Nazionali,

Nel 2023, il mercato zootecnico e lattiero-caseario in Italia ha sperimentato una crescita moderata, trainata dalla domanda interna e dalla ripresa economica. Tuttavia, il settore ha affrontato sfide come i costi di produzione in aumento e la concorrenza internazionale. La digitalizzazione e l’innovazione tecnologica hanno giocato un ruolo significativo nell’ottimizzazione delle operazioni e nella gestione della catena del valore. Nonostante le sfide, l’Italia ha mantenuto la sua reputazione per la produzione di latticini di alta qualità e ha continuato a esportare i suoi prodotti in tutto il mondo.

Il lavoro tecnico, pur in presenza di incognite generali innegabili, è proseguito senza interruzioni sostanzialmente in due direzioni: una spinta verso la conversione dei servizi verso la piattaforma mobile e l’affinamento dei servizi per caratteri specifici.

La collaborazione all’interno di Synergy ha prodotto soddisfazioni reciproche con lo sviluppo, in comune con altre Associazioni Nazionali, di un nuovo portale dei servizi, ma anche con l’estensione delle funzionalità dell’applicativo di gestione del Libro Genealogico ad altre razze e specie. Inoltre, l’estensione delle attività Synergy oltre il perimetro dei Soci, ad esempio la collaborazione con CremonaFiere per l’organizzazione della fiera internazionale di novembre, ha portato anche ad Anarb dei benefici economici ed organizzativi.

La questione PSRN2 prosegue con l’azione legale presso il TAR del Lazio che finalmente ha fissato per il prossimo Giugno la data dell’udienza di merito.

I Comitati di Razza sono stati convocati in presenza ed in videoconferenza negli scorsi mesi, al fine di raccogliere suggerimenti ed indicazioni da parte della base sociale prima dell’Assemblea generale.

Nel 2023, abbiamo proseguito la tradizione delle Giornate della Bruna, la giornata al Nord è stata organizzata in provincia di Como presso l’azienda Castelli alla quale va il nostro sentito ringraziamento. La Giornata del Sud, invece, è stata posticipata alla primavera del 2024 e si è tenuta pochi giorni fa presso l’azienda Mancino a Gioia del Colle in provincia di Bari. Entrambe le occasioni sono state molto partecipate ed hanno permesso di sottolineare i risultati della selezione italiana.

Il bilancio dell’Associazione chiude con un buon risultato, e nel 2023 abbiamo concluso una serie di operazioni bancarie volte a riportare l’esposizione finanziaria corrente a livelli ottimali, anche grazie ad una profonda revisione delle ipoteche immobiliari che sono state estinte per la grande maggioranza degli immobili di proprietà della Associazione.

La gestione finanziaria 2022 è quindi rientrata nella norma evitando picchi di esposizione che in passato avevano posto sotto stress l’impianto finanziario.

Le attività del Consorzio disolabruna® sono proseguite con grande impulso con la partecipazione a Cheese a Bra nel settembre ’23 e la programmazione della prossima partecipazione a Cibus ‘24

Il Consiglio direttivo ha svolto il proprio lavoro in modo partecipato, dando continue indicazioni per le iniziative assunte dall’Associazione. Tutte le decisioni sono state ampiamente discusse e deliberate con voto unanime da parte dei consiglieri.

Il sostegno ottenuto dal Ministero, tramite il dott. Bongiovanni, il dott. Ciardiello e il dott. Casapullo, è stato concreto e ha guidato le attività verso obiettivi condivisi anche dalla Pubblica amministrazione, in una fase complessa e ricca di cambiamenti.

Relativamente alle produzioni, oltre al mantenimento della combinazione ottimale tra qualità e quantità del latte prodotto per singola lattazione, è da sottolineare un calo della produzione di latte che non essendo accompagnato da un trend simile dal punto di vista genetico, lascia pensare ad un mutato utilizzo degli alimenti a fronte della nota fiammata dei costi alimentari.

Un sentito ringraziamento va a tutti gli organi dell’Associazione, che hanno lavorato con competenza e nel rispetto dei propri ruoli, assicurando continuità al lavoro svolto.

Il personale Anarb va pubblicamente ringraziato per aver sempre dimostrato passione e competenza encomiabili. Infine, un ringraziamento va rivolto alla Direzione, che ha saputo coordinare le attività in un anno particolarmente impegnativo.

 

 

 

 

 

LIBRI GENEALOGICI

Soggetti iscritti e gestione anagrafica – Bruna e razze autoctone
Nel 2023, le femmine nate e iscritte alle sezioni del Libro genealogico delle rispettive razze/popolazioni gestite da Anarb sono riportate nella tabella che segue, insieme alle consistenze totali.

Nel 2023 è proseguita, in base ai parametri prefissati, la verifica sistematica della “qualità” dei dati che vengono registrati in archivio; particolare attenzione è stata dedicata ai casi di dubbia attribuzione dei genitori. Aspetto, quest’ultimo, da risolvere in prima istanza verificando la congruenza con le inseminazioni registrate.

Eventi Libri genealogici
L’acquisizione in tempo reale degli eventi (fecondazioni, parti, ecc.) rilevati dagli Enti delegati, si conferma essere un’attività di primaria importanza.

Dati dei controlli giornalieri e delle lattazioni nella razza Bruna
Dall’Ente delegato ai controlli funzionali sono pervenuti con regolarità i dati “produttivi” rilevati, in particolare sia i record dei controlli giornalieri, sia le lattazioni. Il metodo AT5 (controlli funzionali con intervalli di 5 settimane) risulta il prevalente.

Le produzioni Bruna
Nel 2023, la produzione media di latte si è attestata a 7.832 kg con il 4,04% di grasso e il 3,61% di proteine. Oltre al mantenimento della combinazione ottimale tra qualità e quantità del latte prodotto per singola lattazione, è interessante sottolineare la significativa produzione totale in carriera dei chilogrammi proteina, grazie alle caratteristiche di longevità della razza. Quest’ultima si mantiene costante nel corso degli anni, con oltre 3 lattazioni per vacca.

Caseina – La percentuale di caseina, determinata dai campioni di latte prelevati nell’ambito dei controlli funzionali, viene rilevata dalla quasi totalità degli Enti delegati. Il valore della percentuale media si attesta poco al di sopra del 2,86%, a conferma della validità del latte di Bruna ai fini della caseificazione.

Polimorfismi proteici del latte nella Bruna – Il latte di Bruna, grazie alla presenza di specifiche varianti proteiche come le k-caseine, tra le più note e importanti, è indubbiamente e scientificamente provato come particolarmente adatto alla caseificazione. L’allele “B” è, al riguardo, il più favorevole ed è presente nella popolazione per oltre l’80%. Studi indicano, inoltre, nell’allele A2 della Beta-caseina, la cui frequenza nella Bruna è molto alta con oltre il 72%, una componente favorevole per la digeribilità del latte per l’uomo.

Il programma svolto nel 2023 ha beneficiato dei risultati della genomica. Infatti, per tutti i soggetti fatti analizzare, Anarb ha ottenuto, tramite il Laboratorio convenzionato, il relativo genotipo per k-caseina, Beta-caseina e Beta-lattoglobulina.

 

 

Certificazioni

Registrazione certificati soggetti importati razza Bruna/OB – Il numero dei certificati dei soggetti importati pervenuti nel 2023, con richiesta di registrazione della genealogia, sono stati oltre 400, di cui oltre sessanta maschi IA.

Certificazioni emesse per l’esportazione di seme di tori IA Bruna – Stabili le richieste dei Centri IA Polar e Superbrown riguardanti le certificazioni per l’esportazione di seme. Complessivamente sono stati emessi oltre 200 documenti attestanti le diverse certificazioni richieste dai Paesi importatori. In particolare, certificati zootecnici e relative schede genealogiche, formule DNA e medie produttive delle figlie dei singoli riproduttori.

Certificati genealogici razza Bruna/OB e razze autoctone a limitata diffusione – I certificati zootecnici/genealogici emessi per i soggetti vivi sono stati complessivamente oltre 250; inoltre, sono state molto apprezzate le soluzioni per la certificazione dei soggetti (schede e certificati zootecnici) disponibili attraverso BrunaOnLine e sul nuovo portale Synergy.

Certificazioni aziendali dei soggetti iscritti ai Libri Genealogici delle razze autoctone – L’adeguata gestione informatizzata dei rispettivi Libri genealogici ha permesso di rilasciare le certificazioni aziendali richieste dagli allevatori ed utili ai fini dei contributi previsti nell’ambito dei PSR regionali. Nel corso dell’anno sono state rilasciate 676 certificazioni aziendali, soprattutto per gli allevamenti di Bruna Originaria, Agerolese, Burlina, Cabannina, Cinisara, Modicana e Pezzata Rossa D’Oropa.

Rilevamento dei dati di mungibilità della Bruna
È proseguita l’acquisizione di alcuni dati rilevati dai lattometri elettronici fissi negli impianti di mungitura collegati al software.

Marchi d’impresa
Ad oggi sono oltre 50 le aziende con il marchio depositato tramite Anarb e tuttora attivo.

Compatibilità ascendenze della Bruna
Nell’ambito della genotipizzazione ai fini della valutazione genomica, sono state verificate le compatibilità d’ascendenza per tutti i soggetti, maschi e femmine, analizzati al riguardo. La percentuale di ascendenze non confermata, inferiore all’1%, è decisamente contenuta, grazie anche ai suddetti test da genomica che consentono l’eventuale ricerca di paternità/maternità in modo più efficiente rispetto al recente passato.

 

VALUTAZIONI MORFOLOGICHE

Nel corso dell’anno, l’attività degli esperti di razza, che tutt’ora rappresentano un collegamento fondamentale fra Anarb e gli allevatori, è stata svolta regolarmente su tutto il territorio nazionale.

Dai dati raccolti con le punteggiature nella razza Bruna si evince:
– una conferma della buona morfologia funzionale in estensione su molti allevamenti/capi;
– un consistente numero di allevamenti raggiunti con oltre 2.500 aziende visitate.

Punteggiature e altre attività
Le bovine Brune punteggiate nel corso dell’anno sono state 12.700, di cui oltre 320 OB.
Gli esami morfologici eseguiti per le razze autoctone gestite da Anarb hanno interessato 1.542 capi, il 91% dei quali ha conseguito esito positivo perché in possesso delle caratteristiche di razza.

Durante l’attività valutativa sono stati elaborati alcuni piani di accoppiamento aziendali personalizzati. Inoltre, sono stati effettuati anche una trentina di controlli come richiesto/prescritto dal Disciplinare tecnico di produzione del Consorzio disolabruna®.

Mostre
Le mostre del 2023, durante le quali sono stati valutati più di 4.000 capi, sono risultate 51: 1 internazionale, 2 interregionali, 1 interprovinciale, 47 tra provinciali e zonali, tra queste la prima mostra ufficiale della razza Modicana. Dal resoconto fornito dai giudici, che su incarico di Anarb hanno effettuato le valutazioni, è emerso che il livello morfo-funzionale medio dei soggetti esposti, così come il numero di allevamenti partecipanti, è risultato più che buono. Anarb ha curato l’elaborazione del catalogo per una decina di manifestazioni.

 

Incontri d’aggiornamento per esperti
Grazie alla collaborazione con gli allevamenti ospitanti e le relative Associazioni, le giornate di perfezionamento dedicate alla formazione per l’uniformità valutativa degli esperti, sono risultate proficue. Nel 2023, l’annuale incontro di armonizzazione europea, al quale Anarb ha partecipato con una propria rappresentanza, si è svolto in Germania.

 

 

 

CENTRO GENETICO

Nel 2023 sono entrati nella stalla di accettazione 6 gruppi di giovani tori, per un totale di 29 torelli in ingresso. Di questi, 26 sono di razza Bruna e 3 di Bruna originaria.

Gli animali sono stati inviati al Centro Genetico da vari centri di FA ed Enti:

  • 3 vitelli dalla Federazione di Bolzano
  • 15 vitelli da Polar
  • 11 vitelli da Superbrow

Tutti i soggetti entrati sono stati obbligati ad un periodo d’isolamento nella stalla di quarantena per il previsto approfondimento degli esami sanitari.

I torelli sono stati sottoposti sia ai periodici rilevamenti ponderali e biometrici previsti, sia al protocollo di addestramento al salto per valutare l’attitudine al salto e la qualità del materiale seminale prodotto. L’ultimo esame previsto dalle norme operative del performance test è la valutazione morfologica, effettuata da un esperto di razza.

È proseguita, inoltre, la raccolta dati innovativi presso il Centro Genetico: dati relativi al comportamento, all’attività motoria, alla ruminazione, all’incremento ponderale e allo sviluppo scheletrico.

Programmi selettivi nazionali
Nel corso dell’anno 2023 sono stati messi in distribuzione 32 nuovi giovani tori, figli di 17 padri differenti, ciò garantisce una buona variabilità genetica per il prossimo futuro. Sul totale dei tori distribuiti, nel 2023, il 78% ha genotipo BB per la k-caseina, il 22% ha genotipo AB e nessuno con genotipo AA.

 

Analizzando i valori medi dei tori entrati in distribuzione nell’ultimo quinquennio si osserva un miglioramento sotto tutti i punti di vista. Per quanto riguarda l’Ite e l’Indice kg latte si registra un aumento del gruppo dei tori entrati in distribuzione nel 2023, anche se di più modesta entità rispetto a quanto ottenuto negli anni precedenti.

I caratteri morfologici fanno registrare un miglioramento molto sensibile, superando un valore medio per i torelli entrati in distribuzione nel 2023 di 116 punti, sia per il punteggio finale che per la mammella.

 

 

RICERCA E SERVIZI

Utilizzo della genomica
La valutazione genomica è uno strumento fondamentale del piano di selezione nazionale. L’impiego dei giovani tori genomici nelle aziende ha ormai superato ogni pregiudizio ed il processo selettivo per la scelta dei tori da avviare alla fecondazione artificiale si basa interamente sulla valutazione genomica. Ad oggi, è possibile applicare una pressione selettiva molto importante, un tempo inimmaginabile. Così facendo, viene ridotta al minimo la possibilità di distribuzione del materiale seminale di riproduttori di scarso o limitato valore genetico. Nel 2023 si riscontra una leggera diminuzione del numero di maschi genotipizzati, mentre rimane stabile il rapporto tra maschi genotipizzati e maschi avviati alla fecondazione artificiale.

Il numero totale di femmine con valutazione genomica ha superato i 23.000 capi. Un aumento costante grazie ad un gruppo sempre più nutrito di allevatori che utilizzano questo strumento per le loro scelte imprenditoriali e grazie anche ai piani di campionamento predisposti da Anarb, oltre alle collaborazioni dell’Associazione con diversi centri di ricerca.

Analisi genomiche
Nel 2023, i campioni inviati al laboratorio per le analisi genomiche hanno interessato 1.585 soggetti complessivi, di cui 328 maschi di Bruna, 1.129 femmine di Bruna e 29 femmine di Bruna originaria. Tramite il progetto dualbreeding, o direttamente tramite ANARB, sono stati genotipizzati anche 143 soggetti appartenenti alle razze autoctone, in particolare di razza Modicana, Cinisara e Burlina. I laboratori di analisi hanno confermato una buona efficienza nelle tempistiche, il cui rispetto è importante soprattutto per i maschi in pre-ingresso. La percentuale di campioni scartati e da riprelevare è risultata del 1,51%.
L’archivio genomico comprende oltre 80.000 soggetti (35.000 circa dell’archivio italiano e 45.000 circa da Intergenomics), mentre le femmine di Bruna vive e genotipizzate sono circa 7.871.


Servizi relativi alle valutazioni genetiche
Nel corso del 2023 sono state condotte 3 valutazioni ufficiali e 24 valutazioni intermedie. La valutazione di dicembre 2023 ha utilizzato 4.104.971  record anagrafici, 26.420.717 controlli funzionali, 4.384.016 lattazioni, 973.287 valutazioni morfologiche e 4.434.568  fecondazioni. Ciò ha permesso di valutare per 50 caratteri i seguenti soggetti:

– 63.179 maschi di Bruna

– 859.712 femmine di Bruna

– 1.433 maschi di Bruna Originaria

– 8.701 femmine di Bruna Originaria


Selezione genetica
Come si può notare dai trend genetici positivi sotto riportati, Anarb riserva sempre grande attenzione sia alla quantità e alla qualità delle produzioni, sia all’aspetto morfo-funzionale degli animali (mammella, fertilità, longevità, incidenza mastite…), con la finalità di contenere i costi di produzione, di fornire agli allevatori animali più facili da gestire e che meglio si adattino alle loro esigenze.

 

 

Ricerca
Nel corso del 2023 Anarb ha partecipato a vari  progetti di ricerca, anche in collaborazione con diverse Università italiane ed estere. In particolare, si citano:

  • Studio della fertilità maschile in collaborazione con l’Università della Florida, l’Università del Wisconsin e l’Università di Padova. Scopo del progetto: utilizzare le informazioni genetiche e genomiche con lo scopo di prevedere la fertilità del seme dei tori su base fenotipica.
  • Studio della resistenza al caldo in collaborazione con l’Università di Bari. Il progetto, iniziato in occasione del progetto LATTeco è proseguito e, ad oggi, è stato in grado di dimostrare le differenze genetiche esistenti tra razze e la variabilità genetica che esiste all’interno della razza Bruna. Questi sono i presupposti fondamentali per lo sviluppo di un indice genetico specifico.

Oltre al continuo studio dei metodi più efficienti ed efficaci per la valutazione genomica dei soggetti, si è avviato un processo di revisione degli indici fertilità.

Altre caratteristiche ereditarie
Nel corso dell’anno sono proseguite le attività finalizzate al controllo delle sindromi ereditarie. Anche in questo caso le informazioni hanno riguardato tutti i soggetti analizzati per la genomica e tutte le principali sindromi ereditarie.
Per l’aplotipo BH2, le analisi registrate comprendono anche i maschi esteri del circuito “inseminazione artificiale”, l’archivio al riguardo comprende oltre 69.000 soggetti. I maschi e le femmine nati e testati in Italia sono in totale circa 26.100, i portatori sono pari al 9%.

Per le tradizionali sindromi ereditarie – Sma, Arachnomelia, Weaver e Sdm – i test del 2023 hanno interessato 1.622 soggetti con il 2.96% di portatori.

Convegni e incontri di formazione
Nel corso del 2023, si è potuta riprendere la partecipazione ai convegni nazionali e internazionali. In particolare, ANARB è stata presente ai convegni ASPA, Interbull, ICAR ed ha partecipato al Congresso europeo della razza Bruna.
Le attività di formazione sono state molteplici, tra tutte citiamo gli annuali Comitati di razza Anarb. Sempre più partecipati dagli Allevatori Soci, i Comitati di razza sono ormai riconosciuti dagli allevatori come importanti momenti di formazione e di confronto.

Portale dei Servizi

Anche nel 2023 sono proseguite le ottimizzazioni nella sezione Anarb all’interno del portale dei servizi Synergy.
I servizi più apprezzati sono risultati essere:
BrunaOnLine Pac per l’elaborazione dei piani di accoppiamento;
Vacche & Manze che permette di visualizzare, in modo facile ed immediato, gli indici genetici/genomici e le informazioni correlate di “tutte” le vacche e manze vive;
BrunaOnLine Tori, con possibilità d’immediata consultazione anche degli indici genomici dei tori giovani da parte dei rispettivi Centri IA/allevatori;
– la stampa della scheda genealogica dei tori del piano di selezione nazionale della razza Bruna Italiana;
– la stampa delle schede genealogiche dei soggetti della propria azienda, la consultazione dei dati e la relativa stampa dei soggetti allevati (il servizio è riservato a tutti gli allevatori accreditati a BrunaOnLine);
– la consultazione dei dati statistici inerenti le medie produttive, la longevità, gli indici genetici, le fecondazioni, ecc.

Nel 2023 è proseguito un grande progetto avviato insieme a Synergy, atto allo sviluppo del portale dei servizi che integra Brunaonline, andandolo a sostituire con il passare del tempo. I punti cardine del nuovo strumento poggiano su tre pilastri fondamentali: attenzione alle esigenze degli allevatori, gestione multi-razza ed innovazione.
Sono già oltre 200 gli utenti abilitati, molto apprezzato dagli allevatori di Bruna Originaria e delle razze autoctone il servizio di certificazione di stalla.

 

 

 

PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA RAZZA IN ITALIA E ALL’ESTERO

Brown Swiss: “More than… brand”
Dopo un intenso lavoro, a livello europeo, con tutte le Associazioni nazionali interessate per rafforzare l’immagine e la percezione della razza con il logo Brown Swiss, anche nel 2023 è proseguita la collaborazione di Anarb con la Federazione europea Brown Swiss, per la campagna di comunicazione. È continuata l’attività di divulgazione delle peculiarità e delle caratteristiche dell’allevamento Brown Swiss in Europa, mantenendo attivi i canali social e di comunicazione da remoto.
Resistenza e adattabilità, longevità e qualità rimangono le parole chiave dell’attività di promozione.
Grazie anche agli incontri organizzati on line dalla Federazione, gli allevatori europei hanno potuto conoscere i risultati raggiunti dalla razza negli altri Paesi, come pure osservare e confrontare la stessa con le altre razze allevate in loco. Durante tutto il 2023 sono stati proposti numerosi webinar che hanno portato le esperienze degli allevatori europei su specifici temi. L’Italia è stata rappresentata dall’allevatore Marcello Martini Barzolai (Belluno) che ha raccontato il suo modo di gestire l’azienda e l’allevamento.
Ricordiamo infine come il logo, arricchito dal marchio molto forte in termini di impatto: ‘More than milk’, è volto a rafforzare l’idea che gli allevatori Brown Swiss – che da Nord a Sud e da Est a Ovest condividono passione e obiettivi – non producono un semplice latte, ma vanno ben oltre.

La promozione tecnica italiana
Nel 2023 è proseguita l’esportazione delle dosi dei riproduttori bruni italiani. Un’attività di interesse per l’Associazione e per i Centri i.a., sia per la quantità sia per la rilevanza economica che ne scaturisce. Sono, infatti, circa una trentina i Paesi interessati alla genetica made in Italy. Con soddisfazione si evidenzia come il rapporto tra esportazioni e importazioni si sia ormai consolidato. La genetica italiana costituisce indubbiamente la prima scelta per gli allevatori italiani, ma anche una valida soluzione per quelli esteri.

Riguardo ai piani di accoppiamento si evidenzia che, complessivamente, considerando sia quelli specifici aziendali sia quelli elaborati su base provinciale e regionale, il 60% circa degli allevamenti è stato raggiunto almeno una volta durante l’anno. Ottima la riuscita degli incontri tecnici Anarb, soprattutto la “Giornata della Bruna” in Valsassina presso l’allevamento Le Casere di Giovanni Castelli. Il successo di questi eventi è il risultato di un’ottima collaborazione tra gli allevamenti ospitanti e i vari sponsor, tra cui i Centri i.a. Polar e Superbrown. I molti aspetti di interesse selettivo sono stati divulgati tramite i canali social dell’Associazione.

Nell’ambito della promozione tecnica della razza sono proseguiti i contatti con le principali realtà selettive internazionali. Una promozione pubblica dei risultati conseguiti dalla selezione viene effettuata anche e soprattutto attraverso le manifestazioni. Molti gli allevatori che, oltre a partecipare alle innumerevoli mostre zonali, hanno contribuito al successo del Cremona International Dairy Show, tenutosi a Cremona ad inizio dicembre, con il supporto operativo di Synergy.

Nel 2023 si è svolto il biennale Corso Esperti di Razza Bruna. Una quarantina i partecipanti che hanno seguito il percorso formativo composto da 4 lezioni teoriche e 2 lezioni pratiche. L’esame finale, composto dalla prova scritta, orale e pratica, si è svolto in sede Anarb e presso l’allevamento Zomer – Ala (Tn). Diciassette i partecipanti che hanno ottenuto l’attestato di esperto di razza.
Si è svolto inoltre il corso esperti per le razze Autoctone. Gli esami si sono svolti per la razza Agerolese presso l’allevamento Cilento Lucia – Vico Equense (Na), per la razza Cinisara e Modicana presso gli allevamenti Mezzasalma Daniela e Magazzè (Rg).

Promozione della razza nel settore agroalimentare

Per quanto riguarda il settore caseario, la promozione dei prodotti provenienti dalla razza Bruna è affidata al Cvprbi – Consorzio per la Valorizzazione dei prodotti della razza Bruna Italiana, meglio conosciuto con il brand disolabruna®.

Il Consorzio, costituito presso Anarb nel 2005, in 18 anni di attività ha raggiunto più di 186.000 quintali di latte trasformati, registrando 29 Soci e più di 80 prodotti.

 

 

Il 2023 ha visto la partecipazione del Consorzio a Cheese, l’evento internazionale organizzato da Slow Food e svoltosi a Bra (Cuneo) dal 15 al 18 settembre 2023, con un imponente stand di 25 metri quadrati e un co-espositore socio, l’Az. Agr. Valserena. Coerentemente con la filosofia di Slow Food, i formaggi ospiti dell’evento erano esclusivamente a latte crudo prodotto in allevamenti attenti al benessere animale e al loro nutrimento. Alcuni dei visitatori erano buyer di importanti gruppi stranieri, altri appassionati di turismo gastronomico provenienti da altre regioni italiane che hanno soggiornato per qualche notte nei comuni limitrofi.

 

 

Ricordiamo che tutti i consorziati disolabruna® sono certificati. Nel corso dell’anno vengono svolte numerose verifiche e sopralluoghi – da parte dell’Organismo di Certificazione OCQPR (Organismo Controllo Qualità Produzioni Regolamentate Soc. Coop.) – necessari per la corretta applicazione del Disciplinare tecnico di produzione ai fini della certificazione, con l’obiettivo dell’accreditamento ai sensi della ISO/IEC 17065. OCQPR ha effettuato nel corso del 2023 la 4ª visita ispettiva annuale presso ogni consorziato membro, con risultati soddisfacenti.

Prosegue l’attività di promozione dell’elemento “razza”. Il Consorzio disolabruna® si occupa di promuovere le attività di ricerca intese a evidenziare le caratteristiche principali della razza Bruna: l’integrazione delle proprietà nutrizionali e antiossidanti già note nel suo latte, indicando nella sua frazione proteica più nobile, un’alta componente favorevole per la salute umana.

Tra le altre attività del 2023 che meritano di essere ricordate, aggiungiamo anche:

  • la partecipazione a Mese dei Salumi e dei formaggi presso due punti vendita EATALY, a Milano e Verona, nel mese di Marzo 2023. Il cliente di Eataly è un cliente attento, che ama il cibo salutare e il prodotto di nicchia. Non ha fretta di mettere nel carrello un prodotto qualsiasi ma è interessato ad ascoltare la storia di quello che compra, di comprenderne le origini e le proprietà nutritive.

 

  • la realizzazione, grazie al contributo del Consorzio Parmigiano Reggiano, di un video aziendale a promozione del Parmigiano Reggiano disolabruna®, che ha visto alcuni dei nostri produttori fare da attori presso le proprie aziende agricole.

Potete visualizzare il video al seguente link:

https://fb.watch/qOrMkHcVnj/

  • dopo la produzione di alcuni prototipi, il Consorzio è pronto per il lancio dei nuovi dischetti marchianti dedicati ai prodotti semi-stagionati disolabruna®. Il diametro è di 12,50 cm, il materiale è plastico, adatto al contatto con gli alimenti.

 

È proseguita, inoltre, l’attività dell’Ufficio Stampa volta a promuovere presso i mass media le novità, le iniziative e le informazioni di interesse presso il target di riferimento. Nel 2023 numerosi sono stati gli articoli pubblicati sul magazine on line Ruminantia (www.ruminantia.it) dedicati ai Soci del consorzio e alle loro aziende.

Infine, la gestione dei social media a cui il Consorzio è iscritto, Facebook e Instagram, ne aumenta la visibilità con post aggiornati e con la condivisione dei contenuti del settore.

Maggiori informazioni sul sito web https://www.disolabruna.it/

Divulgazione
All’attività di promozione della razza si affianca anche quella della divulgazione, volta alla diffusione delle informazioni, dell’immagine dell’Associazione e di tutto ciò che gravita intorno al mondo della razza Bruna in Italia e all’estero. Sono molteplici i veicoli d’informazione Anarb, dalla carta stampata, ai Social Network, ai più sofisticati strumenti informatici e multimediali.

Rivista “rb-la razza bruna”
È l’organo di stampa storico dell’Associazione nazionale, utile per l’approfondimento delle informazioni a carattere tecnico-scientifico e politico-economico.
Dal punto di vista dei contenuti, il periodico è realizzato in due lingue, riporta le più svariate testimonianze sulle diverse realtà allevatoriali e sugli avvenimenti legati alla zootecnia da latte e derivati ed è diffuso in Italia e all’estero.

Anche per il 2023 si confermano le novità introdotte per la rivista durante il precedente anno. In particolare, la redazione ha rafforzato i numerosi cambiamenti grafici e contenutistici introdotti precedentemente e dettati dall’esigenza di offrire al lettore una rivista con un’immagine fresca e al passo con il panorama editoriale contemporaneo.
La grafica degli articoli è volutamente più varia e movimentata sia nella disposizione del contenuto del testo che nell’uso della titolazione e sottotitolazione. In generale il tutto si caratterizza per un’impostazione che valorizza e impreziosisce i contenuti della rivista, rendendola dinamica, maneggevole e facilmente leggibile. Parimenti, a livello di contenuti, sono state potenziate le nuove rubriche che solleticano la curiosità dei lettori, spaziando in ambiti non esclusivamente tecnici: “Collaborazioni” che ospita gli articoli scritti dai colleghi giornalisti di altre testate del mondo zootecnico; “5 minuti di selezione”, testo breve e godibile che in 5 minuti risponde a domande relative alla selezione spesso date per scontate, ma non per questo banali; “Razze Autoctone” presenta ai lettori le razze a limitata diffusione delle quali Anarb dal 2019 ha la gestione del Libro Genealogico; “disolabruna” rubrica fissa che informa i lettori sulle manifestazioni cui ha partecipa il Consorzio per promuovere il marchio, oltre a presentare i prodotti dei Soci.

L’aggiornamento degli allevatori tramite la rivista “rb-la razza bruna” prosegue, senza applicare alcun aumento al costo dell’abbonamento e mantenendo il tenore di sempre dell’informazione.

Il trimestrale Anarb viene spedito agli abbonati e agli Allevatori Soci che hanno sottoscritto la Quota Premium. Nel 2023 sono proseguite le consuete convenzioni stipulate con importanti testate del settore e rivolte esclusivamente agli abbonati. Sul territorio nazionale, il maggiore numero dei lettori di “rb” si concentra in Lombardia (35%), seguito da Veneto (19%), Trentino Alto Adige (17%), Puglia (10%), Emilia Romagna (6%) e Piemonte (5%). All’uscita della rivista si affianca un’attività di promozione che riguarda lo stretto legame e l’integrazione dei contenuti di “rb” con il sito Anarb, il profilo Instagram e la pagina Facebook dell’Associazione.

Redazione, fotocomposizione e grafica, pubblicità e abbonamenti di “rb” sono curati direttamente dagli uffici dell’Associazione.

Oltre alla rivista, altro materiale promozionale – pubblicazioni, pieghevoli, poster, pannelli, ecc. – concorrono alla divulgazione delle informazioni e dei risultati raggiunti dalla razza.

Web & social network
Agli accessi al sito web dell’Associazione, da diversi anni si è aggiunta la pagina ufficiale Anarb in Facebook e il profilo “bruna_italia” in Instagram, oltre ai video disponibili sulla piattaforma YouTube nel canale ‘Anarb La razza Bruna italiana’.

Instagram e Facebook specchio dei gusti generazionali
La comunicazione Anarb tramite Social mantiene il largo consenso acquisito negli anni. Sono infatti oltre 9.600 i follower in Facebook e oltre 7.000 in Instagram.
Instagram si conferma il social preferito dalle nuove generazioni, in particolare per la fascia d’età 18-24 anni. Interessante il “parimerito” raggiunto anche nel 2023, relativo al numero di follower registrato in Instagram e in Facebook per la fascia d’età 25-34. Quest’ultima fascia d’età pare non fare preferenze per la fruizione dei due social, seguendoli entrambi. Si conferma la prevalenza maschile tra i follower dei social Anarb sia per Instagram (78%) che per Facebook (oltre 76%). Tra i fruitori dei contenuti social, oltre agli allevatori italiani, si registrano anche appassionati brunisti esteri d’Oltre Oceano fra cui spiccano, ai primi tre posti, utenti dal Perù, dal Messico e dagli Stati Uniti; nel Vecchio Continente, invece, i primi tre posti sono occupati dagli utenti svizzeri, austriaci e turchi.
L’andamento delle visite dimostra che sono soprattutto alcuni particolari eventi che fanno registrare dei picchi di accessi nei numeri relativi alle visite alla pagina Facebook e Instagram. Fra questi, hanno calamitato l’attenzione dei follower: il webinar organizzato dalla Federazione Europea della razza Bruna che ha visto come rappresentante italiano l’allevatore bellunese Marcello Martini Barzolai, le mostre zonali organizzate fra settembre e ottobre in varie regioni italiane; la Conferenza Europea della Bruna e lo streaming della Mostra di Cremona.
Il tutto può essere riassunto nei seguenti dati:
– Facebook: 43.465 visite annuali totali con un +58,2% rispetto all’anno precedente;
– Instagram 9.897 visite annuali totali con un + 26,8% rispetto all’anno precedente.

Infine, fra i post e i video del 2023 che hanno riscosso maggior successo si ricordano, per Instagram: le immagini degli allevatori nelle quali si promuoveva il benessere animale e i valori della razza (1.797 il post con più like del 2023) e in Facebook il filmato che pubblicizzava l’inizio del nuovo corso esperti (253 minuti totali di visualizzazione).

Altri segnali positivi che giungono dalla comunicazione social Anarb del 2023 sono: il 61% delle visualizzazioni Facebook e Instagram arriva dai follower;  il 14,8% dei contenuti è stato condiviso dagli utenti; 754 follower in più rispetto all’anno precedente.

 

Ufficio stampa
Prosegue l’attività e l’impegno dell’Ufficio Stampa, volto a evidenziare le caratteristiche e i risultati raggiunti dalla razza e dai suoi allevatori, promuovendo, presso i mass media, novità, iniziative, avvenimenti e le informazioni che interessa siano recepite presso il target di riferimento. Un lavoro che avviene attraverso la creazione, curata negli anni, di una “rete di informazione” presso gli organi di stampa, in Italia e all’estero, che si sviluppa nella diffusione di comunicati e servizi specifici.

 

 

INFORMATICA

Anche nel corso del 2023 è proseguita la stretta collaborazione all’interno di Synergy per la creazione di un’infrastruttura condivisa tra i diversi Soci e, allo stesso tempo, è andato avanti il processo di ammodernamento e di integrazione delle nuove informazioni.

Ad oggi, tutti i dati dei Libri genealogici gestiti da ANARB sono racchiusi in un database unico, condiviso con i dati di altre razze e specie. Ciò permette di condividere gli sforzi con altri partner, al fine di migliorare il controllo sui dati in ingresso e fornire agli allevatori servizi sempre più efficienti ed avanzati.

Gli strumenti digitali che Anarb utilizza per raggiungere i suoi Soci e i suoi clienti sono in continua evoluzione e, ad oggi, possono contare su: quattro siti web, cinque canali social (due account Facebook, due account Instagram e un canale LinkedIn), un canale YouTube e due portali dei servizi.

Molti i progetti avviati e portati avanti durante il 2023 in collaborazione con Synergy, fra questi:

  • il software per la valutazione morfologica;
  • il nuovo database per la gestione delle anagrafiche delle aziende;
  • il nuovo database per la gestione delle informazioni genomiche.

 

SISTEMA QUALITA’

Anche nel 2023 i processi di certificazione del “Sistema Qualità” hanno permesso di monitorare e di rilevare i seguenti punti di forza dell’organizzazione:

  • competenza tecnica del personale;
  • gestione operativa orientata all’efficacia;
  • capacità di innovazione;
  • buona analisi statistica dei processi;
  • gestione del sistema consolidata e collaborazioni avviate con Università e Centri di ricerca.

 

IMPIANTO FOTOVOLTAICO

L’impianto fotovoltaico Anarb, di circa 200 kWp (kilowatt picco), realizzato sui principali tetti delle stalle del Centro genetico e funzionante dall’aprile 2011, anche nel 2023 ha permesso un interessante risparmio energetico. Un significativo introito è stato altresì ricavato dalla vendita dell’energia prodotta in esubero e dai contributi del Gse (Gestore servizi energetici). Un bilancio economico indubbiamente positivo.