Cerca
Cerca

Nota Stampa–Nuovo vertice Anarb

13 Febbraio 2019

Nuovo Vertice Anarb

SILVANO TURATO PRESIDENTE

Eletto all’unanimità dal consiglio direttivo dell’Associazione allevatori della razza Bruna italiana, unitamente ai vice presidenti Flaminio Locatelli e Onofrio Maellaro.

Di Villafranca Padovana (Padova), allevatore storico della razza Bruna italiana, esperto di razza, presidente di Sezione regionale, già consigliere Anarb per quasi un decennio negli anni 2000.

È, in sintesi, il breve profilo di Silvano Turato (nella foto), questa settimana eletto numero uno degli allevatori italiani della razza Bruna dal consiglio direttivo dell’Associazione con il più totale e unanime consenso.

Altrettanto unanime l’elezione dei vice presidenti che affiancheranno Turato nella guida dell’Associazione: Flaminio Locatelli e Onofrio Maellaro.

 Con una età media che supera di poco i quarant’anni – più della metà dei nuovi consiglieri è poco più che trentenne – fanno inoltre parte del consiglio (in ordine alfabetico): Bergonzani Daniele (Emilia Romagna), Loffreda Pasquale (Campania, Basilicata, Calabria e Molise), Marchi Ivo (Toscana, Umbria, Lazio), Marzari Walter (Bolzano), Oradini Cristian (Trento), Pella Silvio (Piemonte e Liguria), Silvestri Marco (Lombardia) e Zischg Peter (Bolzano), oltre ai già citati S. Turato (Veneto e Friuli), F. Locatelli (Lombardia) e O. Maellaro (Puglia).

L’azienda agricola Turato, sita nel padovano, a Villafranca Padovana, ha sempre allevato bovini della razza Bruna, da generazioni. “Per efficienza produttiva e per l’alta qualità del latte prodotto” evidenzia il neo eletto presidente Anarb, capo dell’allevamento di famiglia. Circa 130 i capi allevati – tutti bruni – con una media annuale produttiva pari a 9.062 kg latte, 4,34% per il grasso, 3,73 per la proteina e il 3,05% di caseina. Tra le poche aziende di razza Bruna in Italia con soggetti tutti genotipizzati, in termini genetici l’azienda Turato ha raggiunto, negli anni, un livello di giovane bestiame pari al miglior 3% della popolazione (rank 97), senza trascurare le affermazioni nelle manifestazioni zootecniche anche a carattere internazionale.

Un’azienda agricola, quella guidata da Silvano Turato, in evoluzione continua e al passo con i tempi, che nei momenti difficili ha saputo mettersi in discussione affrontando la crisi puntando su qualità del prodotto, efficienza dei processi e della stalla, trasformazione del latte e rapporto diretto con il consumatore finale. Persona, quindi, capace di rimboccarsi le maniche e di guardare avanti.

Auguri di buon lavoro, presidente.

Comunicato Stampa Anarb 13 febbraio 2019